lunedì 09 marzo 2015

L’AMORE PER LA SICILIA NELLA LEZIONE DELLO CHEF CICCIO SULTANO

Le lezioni di Cucina d’Autore del Master 2015 sono state inaugurate, anche quest’anno, dallo chef stellato di Ragusa Ibla

E’ uno dei docenti “veterani” al Master della Cucina Italiana. Sì perché dalla sua prima edizione il nostro corso ha potuto contare sulla straordinaria professionalità, oltre che umanità, dello chef stellato Ciccio Sultano. Le sue lezioni si sono collocate sempre all’inizio dei cinque mesi di studio e dunque Ciccio Sultano ha praticamente tenuto a battesimo la Cucina d’Autore, vale a dire l’incontro tra i nostri allievi e i grandi nomi della cucina nazionale, di ogni allievo uscito dalla nostra scuola. Anche quest’anno la “tradizione” è stata rispettata, con lo chef Sultano e il suo staff che hanno portato a Creazzo (VI), dunque nel profondo Veneto, la straordinaria cucina siciliana (e non solo) creata da uno dei più grandi interpreti del panorama italiano. “Sono un autodidatta, il primo amore è stato il libro "L'arte della cucina Moderna" di Henry Paul Pellaprat”, così si descrive lo chef patron del ristorante Duomo di Ragusa Ibla. Ma la sua vera cifra stilistica nasce da uno studio quotidiano delle tecniche per poterle  impiegare in cucina  senza snaturare il territorio, “affondando e penetrando nella cultura Siciliana”. E i piatti realizzati durante la sua lezione, di cui vedete qui a fianco alcune immagini, ne sono una testimonianza. Dal “Sono solo un’alice” al “Volevo essere fritto, dalla straordinaria “ Zuppa di ricotta, ricci di mare e gamberetti” per giungere alla ”Triglia maggiore di scoglio farcita alla palermitana con Macco di fave alla trappitara”. E per dessert non poteva mancare un nome evocativo “Sichilia”.
Torneremo su questa lezione con una bella videointervista. Rimanete “collegati” al nostro sito.

condivi questa pagina