lunedì 16 febbraio 2015

LA BRIGATA, LA CUCINA, LA CULTURA: GLI ALLIEVI DEL MASTER SUBITO AL LAVORO

Due settimane di lezioni tra team building, arte ed estetica, nutrizione, somellerie, zootecnia. E poi in cucina con gli chef Marco Perez e Ciccio Sultano

I nostri allievi del Master della Cucina Italiana hanno già affrontato due settimane di lezioni ed è stato subito un inizio di quelli impegnativi. D’altronde dopo cinque mesi di lezione bisogna essere pronti e preparati per affrontare gli stage in alcuni dei più prestigiosi ristoranti stellati in Italia e all’estero. Ogni ora, di ogni lezione, dunque, è essenziale per costruirsi il fondamentale bagaglio che permette poi di inserirsi ad ottimo livello in questo settore,
L’esordio in aula è stato fin da subito caratterizzato dalla costruzione della brigata di cucina assieme al docente di team building  Giordano Frealdo, che ha fatto capire come la squadra non sia fatta solo dalla semplice somma dei singoli. Nel team, infatti, entra in gioco la “moltiplicazione” delle forze: lì sta il vero valore aggiunto di lavorare con gli altri, “per” con un obiettivo condiviso.
In queste due settimane si sono affrontate anche altre lezioni di teoria: arte ed estetica con il docente Maglione, zootecnia e agraria con Filippo Scortegagna, nutrizione ed igiene con il dottor Mauro Defendente Febbrari, che ha cominciato ad introdurre gli allievi nel tema di quest’anno, ovvero il rapporto “Cibo & Salute”. Quindi gli abbinamenti cìbo e vino con il sommellier Mauro Meneghetti sono stati al centro di un'altra lezione
E poi in cucina con lo chef Marco Perez, un docente con cui gli allievi condivideranno molte ore di pratica, mirate non solo ad affinare la tecnica, ma anche a saper trasferire, nella creazione di un piatto, la propria creatività unendo rigore e libertà d’espressione. A chiudere questo periodo d’esordio, due giorni di lezione con lo chef stellato siciliano Ciccio Sultano, docente di Cucina d’Autore. Con lui gli allievi hanno cominciato a capire in che modo formarsi una propria  visione della cucina, per poter dare, in futuro,  il proprio originale contributo alla grande ristorazione italiana.

condivi questa pagina