mercoledì 31 maggio 2017

AL MASTER I PROTAGONISTI DELLA CENA E DEL PRANZO DELL’ANNO

Gli chef Cicco Cerea e Pino Cuttaia hanno tenuto le loro lezioni a pochi giorni dagli eventi che li hanno visti protagonisti: il primo con la cena per l'ex presidente USA Obama, il secondo con il pranzo per le First Ladies del G7

Per il Master della Cucina Italiana non è stata una sorpresa, perché ne conosciamo il valore, ma certo una gran bella soddisfazione, questo, sì. La soddisfazione di aver fatto incontrare i nostri allievi con due chef che hanno avuto nei giorni scorsi grande visibilità mediatica. Ma non per qualche reality… “solo” (si fa per dire) perché hanno rappresentato egregiamente uno dei grandi valori del nostro Paese: quello delle tradizioni gastronomiche, del gusto, della cultura che la cucina italiana sa esprimere.
Pochi giorni fa lo chef Pino Cuttaia, del bistellato La Madia, chiamato a preparare il pranzo per le First Ladies presenti al G7 di Taormina.. Prima ancora, lo chef Chicco Cerea del tristellato da Vittorio, con la cena organizzata in onore dell’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama, ospite del Global Food Innovation Summit, alla Fiera di Milano Rho.
“E’ stato gratificante essere stati chiamati a Milano a preparare la cena per l’ex presidente Obama – ci ha raccontato nei giorni scorsi Chicco Cerea, a margine della sua lezione agli allievi del master 2017 -  Oltretutto mi son sentito orgoglioso di poter mostrare a Obama e agli altri commensali,  attraverso il menu, quante siano le eccellenze che abbiamo in Italia, così da  far capire, nell’arco di due ore, cos’è questa Italia fantastica, questo Paese che è effettivamente il migliore al mondo per i prodotti che la terra ci offre, per quel che riceviamo ogni giorno dal mare, dalle campagne, dai monti. Noi cuochi siamo fortunati a fare questa professione in un Paese come l’Italia, perché qui abbiamo i migliori prodotti al mondo”.
Pensieri, questi sul valore della gastronomia nazionale, che avranno certamente fatto capolino anche tra i commensali di un altro momento conviviale d’eccezione avvenuto solo qualche giorno fa: quello organizzato, come si diceva, in onore delle First Ladies al G7 di Taormina, per le quali ha cucinato un altro grande chef e nostro docente: Pino Cuttaia, che solo pochi giorni fa ha tenuto la sua lezione ai nostri allievi. Il  pranzo è stato aperto da una nuvola caprese, seguita da baccalà all’affumicato di pigna. Poi le trasparenze di "tenerume" (le primizie di verdura) di cocuzza e arancino di riso con ragù di triglia e finocchietto selvatico. Per secondo una ricciola lisciata all’olio di cenere e per finire il dolce con un classico dello chef Cuttaia: cornucopia di cialda di cannolo con ricotta e arancia. E proprio l’arancino e la cornucopia abbiamo avuto il piacere di vederli preparare anche qui al Master, con i nostri allievi impegnati a fianco dello chef Cuttaia a seguire a preparare questi suoi straordinari classici.


condivi questa pagina